Libri

Published on giugno 28th, 2017 | by Carla De Felice

0

L’occupazione

Si parla sempre di questi libri ma magari sono roba sopravvalutata” (Alessandro Sesto – Moby Dick e altri racconti brevi – Gorilla Sapiens Edizioni)

L’occupazione

Spesso mi chiedo come sia possibile che Alessandro Sesto non sia ancora stato dichiarato all’unanimità come uno dei più brillanti intellettuali e pensatori contemporanei.

Esagerataaaa! – penserete voi.

Per niente, vi rispondo io.

Come definire altrimenti una persona che, con tanto sarcasmo, intelligenza e ironia riesce a riflettere sull’influenza della letteratura nella vita di tutti i giorni come l’autore in questione in Moby Dick e altri racconti brevi? E come la mettiamo sull’analisi del profondo legame tra la musica e la vita partendo dalle vicende di una band un po’ disagiata della Pianura Padana come in Lascia stare il La maggiore che lo ha già usato Beethoven? Non basterebbero anche forse solo i titoli dei suoi libri a convincervi della mia dichiarazione?

L'occupazione, una banda di cefali

Alessandro Sesto, L’occupazione. Gorilla Sapiens Edizioni, 2017 pp. 304

Ebbene, il nostro Sesto è ritornato questa volta con un romanzo in sovrappeso (quasi 300 pagine) dal titolo militare/apocalittico: L’occupazione. La copertina del volume è del bravissimo illustratore Patrizio Anastasi.

 “Gli Stati Uniti furono occupati dall’Europa unita, anzi da un’entità che si definiva paesi uniti d’Europa, di cui faceva parte anche la Russia che aveva sostituito l’Europa unita e gli stati membri, contestualmente all’occupazione degli Usa. A quanto pare questi due eventi epocali si erano verificati senza alcun preavviso e nello stesso momento.”

Scrivere una recensione tradizionale per questo libro è impresa ardua, che sia anche spoiler free è ancora più faticoso, e perciò meglio limitarsi alle informazioni principali, in formato telegrafico. Manhattan, anno futuro imprecisato ma neppure troppo lontano. Occupazione in corso, nessuno particolarmente preoccupato. Andreas e Jacob, due amici programmatori alle prese con grandi dilemmi. Andreas è stato mollato dall’oggi al domani da Nora, la sua fidanzata, scomparsa senza alcuna giustificazione. Jacob è perseguitato da un certo Tokyo, che lo distrugge durante le partite di un gioco chiamato go online, e gli invia messaggi random di puro e gratuito stalking. La fantomatica occupazione non ha alcuna influenza sulla vita quotidiana, né è visibile in alcun modo.

“Ogni dichiarazione era accompagnata da filmati volti a comprovarla, filmati ai quali però nessuno attribuiva più alcun valore. Non sapremo più un cazzo di niente, pensò Andreas.”

Se volessimo utilizzare un termine in voga per catalogare questo romanzo, potremmo definirlo distopico, ma la distopia da sola non basta per questo mix avvincente ricco di spunti filosofici, sociologici, storici, goliardici e chi più ne ha più ne metta. Alessandro Sesto ha cultura e fantasia da fare invidia a chiunque, è un visionario estremamente acculturato, sempre abile nel trovare il giusto equilibrio tra riflessione e risata, realtà e finzione. E gioca con la lingua sfornando perle di saggezza a raffica, senza sosta.

“[…]questa forza non era l’amore, perché il vero amore è sacrificio, è il sentimento generoso che ci spinge a difendere chi non può fare più nulla per noi, i morti, i compagni caduti, e che quindi, al contrario, serra i ranghi, induce alle vendette e alimenta la guerra. Questa forza invece, diceva il surfista, era la figa.”

Un romanzo che proietta il lettore in un universo assurdo e reale al tempo stesso, che dopo poche pagine sembrerà, anzi, del tutto scontato. Inconsapevolmente si troverà coinvolto in prima persona in una serie di domande riflessioni. Il tutto condito da fragorose risate e scrosciati applausi mentali.

 “L’italiano scrisse che quando cambia qualcosa davvero te ne accorgi, altrimenti vuol dire che non è cambiato nulla.”

Carla De Felice

L’occupazione Carla De Felice

Summary:

4

Voto


Tags: , ,


About the Author

L'unico vero realista è il visionario.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • Seguici su facebook!

  • #unabandadicefali su Instagram

  • Vincitori del premio Radiolibri

    Vincitori del premio Radiolibri
  • Consigli per gli acquisti:


  • BBB (Book Bloggers Blabberling)

    BBB (Book Bloggers Blabberling)
  • Verità per Giulio Regeni

    Verità per Giulio Regeni