Musica

Published on dicembre 29th, 2017 | by Francesco Papadia

0

Japandroids – Near to the wild heart of life

Se nel 2012 non avete vissuto in un’oscura caverna tra le montagne tibetane, dovreste aver ascoltato un disco intitolato Celebration Rock, del duo canadese Japandroids.

Dopo le registrazioni, i Japandroids sono partiti per un gigantesco ed estenuante tour, che li ha portati in lungo e in largo per America ed Europa.

C’è voluta una pausa di cinque anni perché ai Japandroids tornasse la voglia di rimettersi a lavorare e produrre l’ormai non più tanto nuovo (è uscito a gennaio) disco,  Near to the wild heart of life.

Lo stile dei Japandroids è un inconfondibile rock ‘n’ roll, di deriva springsteeniana, che in Celebration Rock permeava l’intero album, ma nel nuovo disco troviamo solo nella primissima parte.

Near to the wild heart of life presenta la stessa struttura dei dischi precedenti, otto tracce, ma meno dirette, più ragionate, e per questo motivo merita un ascolto più attento.

Per la prima volta troviamo suoni nuovi, che non sono chitarra e non sono batteria. La composizione è diversa, si corre molto di meno e nei pezzi ci sono molte più curve.

L’album spara subito la titletrack e il singolone chiama-folla, North east south west, che racconta le avventure della band durante il tour. Ho un feticismo per i video fatti con i montaggi dei tour, per cui è d’obbligo una menzione d’onore per questo che al 0.18 ci mostra un tronfio treno regionale nostrano.

Dopo una partenza col botto, il disco vira bruscamente su canzoni più intime come True Love And A Free Life Of Free Will, che richiama quel capolavoro che era Continuous Thunder, e I’m sorry.

Arc of bar è il pezzo che non ti aspetti, un brano da sette minuti che omaggia la scena indie più elegante, una canzone quasi britannica.

No known drink or drug e In a body like grave chiudono il disco in maniera crepuscolare e malinconica, una malinconia alla quale il Boss ci ha abituati e che molto probabilmente lo renderà fiero del lavoro svolto dai Japandroids.

Near to the wild heart of life è un disco che spiazza chi seguiva il duo dagli esordi, dovrete dedicare più di un ascolto a questo bel disco che non avrà i fuochi d’artificio di Celebration Rock ma che porta la band un passo avanti, proiettati verso un prossimo, estenuante tour.

Tracklist:

1. Near to the wild heart of life
2. North east South West
3. True Love And A Free Life Of Free Will
4. I’m sorry
5. Arc of bar
6. Midnight to morning
7. No known drink or drug
8. In a body like grave

 

 

Tags: , , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • Iscriviti alla nostra Newsletter

  • Seguici su facebook!

  • #unabandadicefali su Instagram

  • Vincitori del premio Radiolibri

    Vincitori del premio Radiolibri
  • Consigli per gli acquisti:


  • BBB (Book Bloggers Blabberling)

    BBB (Book Bloggers Blabberling)
  • Verità per Giulio Regeni

    Verità per Giulio Regeni