Figli di un libro minore

Published on Febbraio 6th, 2016 | by Flavia Peluso

Il paradiso degli animali

poiss-1024x1024-copia

David James Poissant, Il Paradiso degli animali. NN Editore 2015

 

Il Paradiso degli animali di David James Poissant è prima di tutto un bel libro. Per libro intendo proprio l’insieme di copertina, pagine, caratteri e inchiostro. Non bisognerebbe giudicare il libro dalla copertina, ma in questo caso bisogna fare un’eccezione, il disegno di Theo Ellsworth è magnetico, accattivante, suggerisce l’inizio di un viaggio onirico e speculare tra i protagonisti e il lettore. La carta è grossa, spessa, “importante” e sfogliandola ti fa sentire tra le dita tutta la corposità della scrittura. Si ha dunque la consapevolezza di trovarsi davanti ad un lavoro ben fatto già solo prendendo il libro tra le mani.

Il paradiso degli animali non parla di animali, o meglio non solo di animali e soprattutto non parla di Paradiso, almeno non come lo intendiamo noi: un luogo di nuvolette e luce dove trovano il giusto riposo le anime pie.

In un racconto, L’ultimo dei grandi mammiferi terrestri, il protagonista si reca in un parco, dove  un tempo c’era una sorgente di acqua salata.

“il luogo dove gli ultimi grandi mammiferi terrestri nordamericani erano arrivati, diecimila anni fa, a dare un’ultima leccata. Erano arrivati ad assaggiare un po’ di sale, erano scivolati in una fossa di catrame ed erano morti.”

 Nel libro accade più o meno una cosa simile, come se un’intera comunità di anime sofferenti si fosse raccolta intorno ad un lago per riposarsi dalle lunghe battaglie della vita e Poissant si fosse trovato lì per caso e avesse cominciato a descriverle.

Sedici racconti di uomini e donne che, come animali, si conquistano la vita con morsi e graffi.

L’istinto di sopravvivenza è forse il vero protagonista del libro, un antico retaggio della nostra appartenenza al regno animale. Eppure alla fine di ogni racconto si scorge una speranza, una redenzione, un piccolo dettaglio che fa presagire al lettore la conquista da parte del protagonista di un pezzetto di paradiso.

Forse il pregio maggiore del libro è la capacità dello scrittore di creare un legame tra il lettore e i personaggi fino al punto di farlo piangere, sorridere e arrabbiarsi secondo le situazioni.

Si piange, anche tanto, leggendo quello che forse è il racconto più intenso e struggente della raccolta, Come aiutare tuo marito a morire, una scritture semplicemente perfetta, impeccabile.

“Il grande mondo rotondo si ridurrà a un niente, e vedrai la verità nei suoi occhi, che la vita, che vivere, è più di quello che è successo prima.”

 Un manuale del dolore che consiglio di conservare alla fine, per chiudere il libro con gli occhi pieni di lacrime e il desiderio che ci fossero almeno altri sedici racconti da leggere ancora.

Vi affezionerete ad ognuno dei protagonisti del libro che come in un cerchio magico, tornano nei racconti successivi, come se avessero ancora bisogno di raccontarsi e avvisarvi che stavano continuando a vivere.

Se amate i racconti, se amate i libri scritti in modo lucido e preciso, se amate la letteratura americana, non potete non leggere questo libro.

Questo libro è per chi sogna di viaggiare su un furgoncino Volkswagen in compagnia di un Labrador nero, per chi ama i film di Wes Anderson e il deserto di Bagdad cafe’ e per chi a volte teme di essere un pazzo ma in realtà è caduto in un cerchio magico da cui riuscirà prima o poi ad uscire.

Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://www.bandadicefali.it/2016/02/06/il-paradiso-degli-animali/
Instagram
Twitter
Visit Us
LinkedIn
RSS
Follow by Email
Il paradiso degli animali Flavia Peluso

Summary:

5

Voto


Tags: , , , , , , , , ,


About the Author



Back to Top ↑
  • Iscriviti alla nostra Newsletter

    Privacy Policy
  • Seguici su facebook!

  • #unabandadicefali su instagram

    • Prima di iniziare Genesi 3.0, l’ultimo romanzo di Angelo Calvisi pubblicato da Neo Edizioni, è giusto sapere che può succedere di imbattersi nella morte immotivata di innocenti, in scene di sesso con animali, di guerra, distruzione, amputazioni, onanismo, ferocia religiosa. Ma ormai siamo lettori adulti e vaccinati...#unabandadicefali #leggeresempre #bellochilegge #librisulibri #editoriaindipendente #neoedizioni #libribelli #consiglidilettura #instabook #instalibri #amoridicarta #leggere #libri
    • Metti uno #streetcefalo a #ginevra #unabandadicefali #instatravel #igerssvizzera
  • Vincitori del premio Radiolibri

    Vincitori del premio Radiolibri
  • BBB (Book Bloggers Blabberling)

    BBB (Book Bloggers Blabberling)
  • Verità per Giulio Regeni

    Verità per Giulio Regeni

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy