Fumetti

Published on maggio 31st, 2018 | by Carla De Felice

14

“Il re bianco” Book Blog & Vlog Tour – Intervista a Davide Toffolo

Davide Toffolo, disegnatore/fumettista affermato e frontman della band Tre Allegri Ragazzi Morti, è senza dubbio uno dei pionieri del fumetto in Italia, con libri ormai diventati classici come Piera degli spiriti, Fregoli, Pasolini, L’inverno d’Italia, Très! Fumetti per il teatro e l’autobiografia a fumetti Graphic novel is dead. È uscito da qualche mese per Bao Publishing una nuova edizione de Il re bianco, uno dei suoi lavori più amati, costruito intorno alla sua lunga fascinazione per Copito de Nieve, il gorilla albino dello zoo di Barcellona. Un libro allo stesso tempo intimista e universale, nel quale non pare strano innamorarsi degli sconosciuti, incontrare un personaggio letterario durante una traversata in nave (e rendersi conto che potrebbe essere un alter ego di Italo Calvino). La storia del maestoso, malinconico primate si fonde a quella dell’uomo che la narra, creando una narrazione di profonda onestà e di spontaneo lirismo. Questa nuova edizione si presenta in una bicromia rinnovata e rimasterizzata dall’autore e ha una nuova introduzione a fumetti. Abbiamo partecipato al Book Blog & Vlog Tour organizzato da Bao Publishing con una intervista al nostro idolo Toffolo, di cui siamo molto felici, e che qui vi proponiamo. 
 

Ciao Davide e benvenuto su una banda di cefali. Com’è nata l’idea di ripubblicare dopo più di 10 anni Il Re Bianco, uno dei tuoi libri più belli, come tu stesso confermi nel prologo?

Lo scorso anno sono tornato proprietario dei diritti del libro. Così ho pensato fosse il momento giusto per una versione DEFINITIVA. È un libro a cui tengo molto. E i libri restano vivi se sono pubblicati. Se esistono e incontrano nuovi lettori.

Com’è stato rimetterti a lavoro su un un’opera dopo tanti anni dalla sua pubblicazione?

L’ho fatto con gioia. E con un editore che mi piace e con il quale non avevo mai ancora lavorato: Bao Pubblishing, grazie a Caterina Marietti e Michele Foschini. Fortissimi.

 C’è qualcosa di diverso rispetto alla versione originale e come mai? Da dove la scelta di una nuova bicromia?

Ho sistemato alcune cose tecniche, alcuni disegni e alcuni balloons… fare un libro a fumetti resta sempre qualcosa da sistemare. Questa è la sua quarta versione… spero di aver sistemato tutto. Ah ah. Per la bicromia, abbiamo scelto un nuovo secondo colore. Meno psichedelico del precedente. (Ora posso dirlo, nella versione precedente era un poco scappata la mano al grafico). Questo tono di rosa restituisce più realismo al Gorilla e il libro in generale risulta più equilibrato. L’ho già definita versione Definitiva.

Dopo tanti anni, alla fine sei riuscito a capire il perché di questo amore così forte per il gorilla bianco?

Mi piacciono i diversi? Mi piacciono gli animali? Mi sono sempre piaciuti Elvis Presley e Barcellona. Quando lo incontrai per la prima volta sentivo che non sarebbe stato un incontro come un altro. Quante cose ho imparato da questo animale unico.

Per citare Bertolt Brecht: “Davvero viviamo in tempi bui” in cui la diversità dell’individuo viene vista come una mostruosità da esporre e mostrare attraverso un vetro piuttosto che come qualcosa da comprendere. Pensi che Copito de Nieve siamo un po’ tutti noi?

La sua è una vicenda esemplare. Catturato con un atto violento, trasformato dai media in qualcosa di altro da sé. Segnato da una diversità genetica. Il mio eroe perfetto. Certo ci possiamo specchiare in lui che comunque rimane un animale. Quindi un essere puro per eccellenza, quello che non siamo.

Mi hanno sempre affascinato i momenti di dialogo nei tuoi fumetti che avvengono in una situazione molto intima, come in questo qui, tra te e una ragazza, nudi nel letto. Come nasce questa scelta?

Mi piace quando i personaggi entrano in intimità. La dimensione della nudità intima regala ai personaggi una vicinanza che è anche simbolica. Ma anche realistica. A me personalmente piace parlare nudo di cose profonde. Sentire il calore del corpo. Certo non si può fare per esempio durante gli incontri in libreria. Io cerco sempre di essere metaforicamente nudo quando scrivo canzoni o disegno.

Dal momento che tutti i primati hanno l’occhio nero, eccetto Copito e sua madre che hanno l’occhio da umani, qual è il tuo rapporto con la malattia?

Mi sono sempre sentito invincibile, è la mia condizione di adolescente che mi perseguita. La malattia è una battaglia contro un nemico che è anche te. Ci vuole determinazione per vincere. Metodo, fiducia e fortuna.

Nel tuo fumetto parti dal fatto che andavi a trovare il gorilla bianco allo zoo ogni volta che eri a Barcellona. Ci sei più tornato dopo la sua morte?

Certo. Lo zoo omaggia il ricordo di Copito con una sala dedicata a lui, dove viene raccontata la sua vicenda. Poi questo zoo ha sviluppato un piano di riproduzione dei grandi primati, gorilla, scimpanzé e oranghi e al centro di questa struttura cittadina c’è una nursery dove potete incontrare neonati di queste specie. Una occasione incredibile. Incontrare lo sguardo di un gorilla è emozionante, anche in uno zoo.

 

Tu sei stato tra i pionieri del fumetto italiano: cos’è cambiato nel mondo del graphic novel in Italia in questi anni secondo te?

Penso che la guerra per la dignità del fumetto, che assieme a tanti altri autori ho combattuto negli ultimi 30 anni, possa essere considerata vinta. Nel bene e nel male. Stiamo vivendo un momento incredibile per i fumetti. Un momento memorabile. E forse è stato anche per il fatto che gli abbiamo cambiato nome in Graphic novel. Ma non credo sia solo per questo che ora con il fumetto puoi raccontare ogni tipo di storia.

Ultima domanda di rito: stai lavorando a qualche nuovo progetto nel campo del fumetto?

Ho ricominciato a disegnare e a pensare nuove storie. Anche a vivere nuove avventure. Che è il solo modo che conosco per poterle raccontare.

Grazie a Davide Toffolo e a Bao Publishing per l’opportunità. 

Intervista a cura di Carla De Felice

Qui in seguito alcune informazioni sul tour.

Il re bianco” Book Blog & Vlog Tour
5 tappe, dal 23 maggio al 1 giugno 2018!

Un modo per conoscere meglio l’edizione definitiva e arricchita de “Il re bianco” il capolavoro di Davide Toffolo, edito da BAO Publishing, attraverso una serie di recensioni, video-recensioni e interviste che sveleranno, secondo diversi punti di vista, i lati più interessanti di questo graphic novel.

Per il giveaway, saranno estratti 3 vincitori o vincitrici tra i partecipanti.

Ognuno/a di loro vincerà:
– 
1 copia di “Il re bianco” con dedica disegnata dall’autore

Per partecipare e poter vincere bisogna:

– Mettere mi piace alla pagina Facebook BAO Publishing
– Diventare lettori fissi/seguire i blog/vlog partecipanti
– Commentare tutte le tappe del blog tour
– Compilare il form con i dati (per il givaway)
– Condividere il blogtour sui social

C’è tempo per partecipare al giveaway dal 23 maggio al 2 giugno 2018, poi ci sarà l’estrazione dei tre vincitori.

a Rafflecopter giveaway

Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://www.bandadicefali.it/2018/05/31/il-re-bianco-book-blog-vlog-tour-intervista-a-davide-toffolo/
Instagram
Twitter
Visit Us
LinkedIn
RSS
Follow by Email

Tags: , , ,


About the Author

L'unico vero realista è il visionario.



14 Responses to “Il re bianco” Book Blog & Vlog Tour – Intervista a Davide Toffolo

  1. Matteo says:

    Bello!! Grazie per averci fatto fare due chiacchiere con Toffolo! 🙂

  2. Bella questa intervista a Davide Toffolo. Mi incuriosisce sempre di più questo fumetto. Se non dovessi vincerlo lo comprerò sicuramente

  3. Silvia Marinetti says:

    Spero ed incrocio le dita…Deve essere davvero una bella storia… 🙂

  4. Maria Grazia Murgia says:

    Intervista interessante…sono sempre più convinta di questa libro!!

  5. Maria Grazia Murgia says:

    Intervista interessante…sono sempre più convinta di questo libro!!

  6. Micaela Catanese says:

    Bella conclusione del tour. Intervista molto interessante. Sono non capisco perchè, volendo, non sia più possibile completare il form per il giveawau mentre ancora doveva essere attivo (sono quasi le ore 18 del 1.giugno 2018). Cosa è successo? Desidero fortemente partecipare al concorso e non sono certa di aver completato il form nei giorni passati.
    Ciao!

  7. Marta Bragagnolo says:

    Non vedo l’ora di leggerlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • Iscriviti alla nostra Newsletter

    Privacy Policy
  • Seguici su facebook!

  • #unabandadicefali su instagram

    • Lo #streetcefalo ci saluta dal belvedere di #vienna grazie @rosi_1207 ❤️#unabandadicefali #wien #instawien #vienna #austria #österreich #instatravel #instatravelgram
    • #Repost @s_tribuzio with @get_repost・・・Scrivendo di Domino, il nuovo album di @damalikessa, debutto per gli amici di @unabandadicefali (link bio). Domino è un album fotografico in senso stretto, sia perché descrive gli umori della nostra quotidianità, sia perché il packaging contiene un sontuoso libretto con le foto di Jacopo Benassi.L'artista milanese si muove in questo quinto atto con grazia e vena compositiva. Un ritorno tutto da sfogliare.#unabandadicefali
  • Vincitori del premio Radiolibri

    Vincitori del premio Radiolibri
  • BBB (Book Bloggers Blabberling)

    BBB (Book Bloggers Blabberling)
  • Verità per Giulio Regeni

    Verità per Giulio Regeni

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy