Fumetti

Published on Gennaio 17th, 2019 | by Simona Di Rosa

0

Trottole (Tillie Walden)

“Non capivo perchè fosse così importante. Una vittoria non qualificava per nessun’altra competizione. Nessuna di noi sarebbe mai andata alle Olimpiadi. Eravamo solo prigioniere nel ciclo continuo del pattinaggio agonistico di medio livello”.

trottole

Tillie Walden, Trottole, Mondadori

Tillie Walden, fumettista americana classe 1996, è un’artista di cui si parla tanto da anni, sia per la qualità delle sue storie che per il ritmo incalzante con cui lavora: dal 2015 al 2017 ha infatti pubblicato ben 5 storie a fumetti e un webcomic, producendo a una velocità supersonica rispetto ai tempi medi di elaborazione di un romanzo grafico.

La sua opera, finora inedita in Italia, può essere conosciuta adesso anche dal pubblico nostrano grazie a Mondadori Ink, che ha acquistato i diritti di Trottole (in inglese “Spinning”), il suo ultimo romanzo grafico uscito in libreria alla fine del 2018 e vincitore dell’Eisner Award. Si tratta di un volume di circa 400 pagine in formato brossurato con alette, proposto dall’editore meneghino in una veste editoriale praticamente uguale all’originale americano.

trottole

Trottole non è propriamente un romanzo grafico: si tratta infatti di un memoir, ovvero un racconto autobiografico in cui viene narrata l’infanzia e l’adolescenza dell’autrice-protagonista attraverso una delle esperienze più lunghe della sua vita, quella del pattinaggio sul ghiaccio. Trottole è però soprattutto un romanzo di formazione, che acquisisce maggior potenza per il suo essere una storia vera, ma che risulterebbe bellissima e importante anche in caso contrario.

Dieci capitoli, ognuno con il nome di una figura o un salto del pattinaggio, in cui l’autrice racconta la sua trasformazione dall’infanzia alla maturità, passando per il trasferimento in Texas, i problemi a scuola, la difficoltà di parlare della propria sessualità e i grandi sacrifici richiesti da uno sport competitivo e difficile.

trottole

La sveglia tutti i giorni alle 4 per gli allenamenti individuali, il pattinaggio di figura al pomeriggio, le gare nei weekend, l’ansia della perfezione e il timore di deludere, la mania di controllo e la delusione causata da un fallimento, il rischio di un errore in gara che può essere fatale, ma soprattutto la difficoltà di lasciare la pista di ghiaccio, di chiudere per sempre con il pattinaggio: la Walden ci fa vedere tutto questo e sottolinea la mole di sforzi e sacrifici fatti per uno sport che non potrà mai darle una prospettiva, e che col tempo si trasforma in una sorta di prigione emotiva.

trottole

Nonostante le sue 400 pagine, Trottole è un libro che scivola via e si legge molto velocemente: merito della struttura della tavola tutto sommato tipica – a parte qualche eccezione – e di una sceneggiatura leggera e ben equilibrata, oltre che a uno stile di disegno elegante e sintetico. Un libro che non può non piacere, e che può anche rappresentare un primo approccio al mondo del fumetto da parte di chi non ha letto molto grazie alla sua semplicità di lettura.

Onore a Mondadori per aver portato questo titolo in Italia – complice anche la notorietà dell’Eisner Award – ma sul lato della promozione e della “coltivazione” dei lettori di fumetto c’è ancora molto da fare; sarebbe inoltre interessante che questo editore, forte della sua presenza quasi monopolistica sul mercato, iniziasse a produrre opere a fumetti originali, da affiancare alla già ricca acquisizione di opere estere.

Simona Di Rosa

 

 

Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://www.bandadicefali.it/2019/01/17/trottole-tillie-walden/
Instagram
Twitter
Visit Us
LinkedIn
RSS
Follow by Email

Tags: , , , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • Iscriviti alla nostra Newsletter

    Privacy Policy
  • Seguici su facebook!

  • #unabandadicefali su instagram

    • Prima di iniziare Genesi 3.0, l’ultimo romanzo di Angelo Calvisi pubblicato da Neo Edizioni, è giusto sapere che può succedere di imbattersi nella morte immotivata di innocenti, in scene di sesso con animali, di guerra, distruzione, amputazioni, onanismo, ferocia religiosa. Ma ormai siamo lettori adulti e vaccinati...#unabandadicefali #leggeresempre #bellochilegge #librisulibri #editoriaindipendente #neoedizioni #libribelli #consiglidilettura #instabook #instalibri #amoridicarta #leggere #libri
    • Metti uno #streetcefalo a #ginevra #unabandadicefali #instatravel #igerssvizzera
  • Vincitori del premio Radiolibri

    Vincitori del premio Radiolibri
  • BBB (Book Bloggers Blabberling)

    BBB (Book Bloggers Blabberling)
  • Verità per Giulio Regeni

    Verità per Giulio Regeni

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy