Cefali imperdibili

Published on Febbraio 10th, 2012 | by Giuseppe D'Alessandro

Hugo Cabret

(USA 2011)

 

 

hugo2

Regia: Martin Scorsese
Genere: Avventura
Durata: 125 min
Cast: Ben Kingsley, Sacha Baron Cohen, Asa Butterfield, Chloe Moretz, Ray Winstone, Jude Law, Emily Mortimer, Kevin Eldon
Soggetto: Brian Selznick
Sceneggiatura: John Logan
Fotografia: Robert Richarson
Montaggio: Thelma Shoonmaker
Musiche: Howard Shore
Distribuzione: 01 distribution
Uscita nelle sale: 3 febbraio 2012

Hugo Cabret è un giovane orfano che vive, solo, nella stazione di Paris-Montparnasse. Figlio di un orologiaio, aiuta il padre nel suo lavoro, appassionandosi particolarmente a un vecchio automa meccanico che sembra racchiudere un qualche segreto. Dopo la morte del padre viene affidato allo zio che è il responsabile della manutenzione degli orologi della stazione…

Di primo acchito, stupisce il fatto che il vecchio Scorsese abbia realizzato proprio questo soggetto, solo apparentemente fuori dai suoi binari. In realtà, a ben guardare, il tema è quasi lo stesso di Taxi Driver, cioè l’uomo che si scontra con i propri sogni, le proprie aspettative, e cerca un posto nel mondo. Stavolta Martin da’ a tutto ciò un abito da film per ragazzi. Ma il messaggio è assolutamente rivolto agli adulti disillusi e disincantati, e riguarda proprio la necessità di ritrovare lo stupore nell’arte come nella vita. Discorso applicabile sia nella ricezione della realtà (i due ragazzi appassionati di cinema e letteratura) che nella produzione dei sogni (il vecchio Melies – interpretato da un ottimo Ben Kingsley – che sembra intrappolato dal rifiuto di ripensare con lucidità al proprio passato di cineasta perché ormai incapace di sognare). Alla fine, a vincere sarà la magia illusoria del cinema: che trionfa anche grazie allo stupendo 3D usato da Scorsese, che non indulge a spettacolarità gratuite ma viene utilizzato creativamente per dare profondità e nuovo valore alle bizzarre scenografie del vecchio regista. Come dire: il nuovo utilizzato per ricreare l’incanto del vecchio.

Giuseppe D’Alessandro

voto: 8

Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://www.bandadicefali.it/2012/02/10/hugo-cabret/
Instagram
Twitter
Visit Us
LinkedIn
RSS
Follow by Email
Hugo Cabret Giuseppe D'Alessandro

Summary:

4


Tags: , , , , , , , , , , , , , ,


About the Author



Back to Top ↑
  • Iscriviti alla nostra Newsletter

    Privacy Policy
  • Seguici su facebook!

  • #unabandadicefali su instagram

    • #Repost @ssimonadirosa with @get_repost・・・"Eravamo tutte esaltate e terrorizzate: si stavano avvicinando i mondiali ISI, la gara più importante dell'anno. Non capivo perché fosse così importante. Una vittoria non qualificava per nessun'altra competizione. Nessuna di noi sarebbe andata alle Olimpiadi. Eravamo solo prigioniere nel ciclo continuo del pattinaggio agonistico di medio livello."La recensione su @unabandadicefali, qui basti dire che questo mattone di 400 pagine si legge super velocemente (forse anche troppo) e racconta una deliziosa storia di formazione. Un primo passo per conoscere il talento di Tillie Walden anche in Italia 💙
    • Uno #streetcefalo Batllò, grazie @giorgiare #unabandadicefali #barcelona #instatravel #instatraveling #igersbarcelona
  • Vincitori del premio Radiolibri

    Vincitori del premio Radiolibri
  • BBB (Book Bloggers Blabberling)

    BBB (Book Bloggers Blabberling)
  • Verità per Giulio Regeni

    Verità per Giulio Regeni

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy