Cefali dorati e visti

Published on aprile 6th, 2018 | by Guest

0

La mosca

Quest’oggi vi parlerò di un cult horror/fantascienza/amore/drammatico che però fa anche un pochino sorridere a volte, soprattutto all’inizio: La mosca di David Cronenberg.

la mosca, cronenberg, recensione, una banda di cefali

La mosca di David Cronenberg è un film di David Cronemberg che parla di una mosca ed è un remake di altri due film vecchi: L’esperimento del dottor Kappa (quello che quando la gente andava a casa sua chiedevano: “Di chi è questa tuta? E questa felpa?” e la gente rispondeva: “È tutta roba di Kappa”) e La mosca zezzé del 1961 con un giovanissimo Jimmy il fenomeno nella parte di quando il protagonista diventa un po’ mosca.

 

TRAMA

Seth Brundle è uno scienziato brillante e dal petto scolpito e lucido che nella solitudine della sua stanza ha costruito una macchina per il teletrasporto perché era stufo di spostare i mobili da una parte all’altra della casa. L’apparecchio funziona bene con gli oggetti, tanto che poi lo scienziato dà la ricetta del macchinario anche al collega di The prestige per far raddoppiare i cappelli a cilindro, ma non funziona con la carne, le braciole e gli arrosticini e questa cosa è scocciante.

Seth conosce Veronica “Ronnie” Quaife, la giornalista di una nota rivista scientifica tipo Focus ma più bella e in veste privata le mostra il macchinario e le fa spostare le calze a rete da una parte all’altra della stanza meglio di Giucas Casella. Poi le chiede se vuole pure vedere come si teletrasporta lui stesso dentro alle mutandine sue ma ella dice: “No grazie, tengo da scrivere il servizio su questo macchinario” e tenta di andare via di casa ma lo scienziato è contrario e dopo che lo scienziato fa vedere il petto scolpito alla giornalista riescono a stipulare un patto: lui può mantenere il segreto della sua macchina e lei può registrare i progressi sulla ricerca in privato fino a quando non sarà riuscito a teletrasportare anche degli animali. O almeno comunque una lattina della Simmenthal. Poco alla volta lo scienziato e la giornalista iniziano una relazione amorosa sempre a fini scientifici.

Lo scienziato a mano a mano perfeziona il macchinario e prova a teletrasportare un babbuino che però non si teletrasporta bene perché esce a capasotta e con le zampe nel naso. Dopo vari accorgimenti finalmente l’esperimento riesce ma Seth non è contento e allora decide di autotrasportarsi ma per sbaglio gli entra una mosca nel macchinario e quindi quando esce fuori nella seconda capsula esce che piano piano diventa una mosca.

All’inizio è tutto bello: Seth ha un sacco di energie in corpo, fa le acrobazie come Jury Chechi, chiava senza mai stancarsi, mangia come un babbuino del deserto e non dorme mai, ma nel corso delle settimane lo scienziato pazzo continua a peggiorare, prima cammina sulle pareti, poi fa sempre il gesto con le mani come fanno le mosche che pare Montgomery Burns che dice: “Eccellente”, poi gli escono i peli sulla schiena, poi gli diventa tutta la pelle mostruosa iniziando a trasformarsi in un disgustoso uomo-mosca che vomita acido e bellebbuono arriva a fare la mosca meglio di Cardini nel finale de La scuola di Daniele Luchetti.

Intanto Veronica scopre con orrore di aspettare un figlio da Seth e quindi, con la paura che il bambino nasca mutante (e forse anche muto, chi può dirlo), decide di abortire mettendosi uno zampirone nella barbaciccia ma prima di riuscire a fare questo viene rapita da Seth che a forza vuole avere il figlio tanto a lui che je frega.

Nel frattempo Stathis Borans (l’ex compagno di Veronica nonché il direttore della rivista scientifica) entra in casa di Brundle con un mega zampirone spray intenzionato a uccidere il mostro e salvare Veronica. Diciamo che ci riesce dopo che però la mosca gigante gli ha sputato un po’ di acido addosso. “Ma vabbè, poi quella la mano e il piede ricrescono” gli dice Veronica per rincuorarlo. E lui che è ancora innamorato di lei fa finta di crederle mentre intanto perde sangue dalla caviglia che ormai sembra un cotechino dell’ultimo dell’anno.

Il film finisce con Veronica che dà il colpo finale in testa al mostro-mosca e Veronica soffre perché in fondo in fondo pensa che quella mosca le ha ronzato attorno per tutto questo tempo e sappiamo bene da cosa sono attirati questi insetti. E allora ne prende atto e piange ancora più disperata.

Angelo Zabaglio

Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://www.bandadicefali.it/2018/04/06/la-mosca-di-david-cronenberg/
Instagram
Twitter
Visit Us
LinkedIn
RSS
Follow by Email

Tags: , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • Iscriviti alla nostra Newsletter

    Privacy Policy
  • Seguici su facebook!

  • #unabandadicefali su instagram

    • Oggi è arrivato un altro pacchetto da @edizionispartaco grazie ❤️ #unabandadicefali #libribelli #libridaleggere #libri #bellochilegge #libriovunque #edizionispartaco #instalibri #booklover #bookworm #editoriaindipendente
    • I bellissimi pacchi a sorpresa di @add_editore ❤️ grazie mille! #unabandadicefali #libribelli #librisulibri #libri #libriovunque #addeditore #bellochilegge #instabook #instalibri #bookstagramitalia #librichepassione #editoriaindipendente #amoridicarta
  • Vincitori del premio Radiolibri

    Vincitori del premio Radiolibri
  • BBB (Book Bloggers Blabberling)

    BBB (Book Bloggers Blabberling)
  • Verità per Giulio Regeni

    Verità per Giulio Regeni