Calamita

Published on luglio 30th, 2018 | by Calamita

0

A misura d’uomo

A misura d'uomo

A misura d’uomo – Roberto Camurri – Enne Enne Editore 2018 – Collana La stagione – Pagine 176.

«Sa, però, che a volte il tempo per le parole è un tempo sbagliato e allora resta zitta e aspetta che lui si svegli e la porti al mare.»

A misura d’uomo di Roberto Camurri racconta le vite, gli intrecci sentimentali, gli scontri e l’amicizia ruotando attorno alle esistenze di tre personaggi principali – Davide, Anela e Valerio –; racconto che poi si allarga ad altri personaggi che si dimostrano non essere minori ma anzi fondamentali per la riuscita della storia.
Siamo a Fabbrico, in uno dei tanti paesi da dove si scappa, uno dei tanti paesi che si odia quando ci si vive e si ama quando lo si lascia per andare a vivere altrove.
E A misura d’uomo è essenzialmente il racconto dell’abbandono.
Nel profondo delle loro vite, ognuno dei personaggi sente che potrebbe essere abbandonato da un momento all’altro, e le relazioni si portano dentro questa specie di ingrediente forte che sembra cancellare il sapore degli altri: la gioia di stare insieme, il sesso riuscito, l’amore condiviso, l’amicizia vera restano esperienze paradossalmente vive solo quando le si va a recuperare nella memoria, mentre nella vita di tutti i giorni, nella quotidiana esperienze delle relazioni, è questa paura dell’abbandono – mascherata da senso di colpa – che pervade i momenti e guida le azioni.
Le storie, separate, quasi come ogni capitolo fosse un racconto a sé stante, è una specie di discesa, a volte rapida a volte lenta, verso il dramma, anzi verso più drammi che si consumano in diverse parti della narrazione.
Camurri racconta di gite al mare, di case col giardino curato, di grandi amicizie, di cene con vino contadino e pane e salame; e poi di ricordi della giovinezza, dell’amicizia di una volta che legava ognuno di loro all’altro, di un amore che resiste nel tempo senza essere mai corrisposto.
E poi c’è la natura – la terra, la polvere, la pioggia, i sassi, l’asfalto e l’erba –: ogni cosa che accade ha e deve avere a che fare con questo soggetto tangibile, perché la vita è così proiettata nel passato che l’unico appiglio al presente è questa presenza materiale delle cose della natura.
Quella natura a cui, alla fine, tutti ritornano.
Sullo sfondo c’è Fabbrico – il paese, le sue strade, i tornanti, le montagne, i suoi abitanti –, ma in primo piano – come la neve che ricopre sempre tutto, come la pioggia che inonda e nutre la terra, come il cielo che è di un azzurro limpido o d’ovatta – c’è questa ubiquitaria e contagiosa paura di vivere per non farsi del male, perché le cose belle prima o poi svaniscono, si rompono, abbandonandoci e lasciandoci soli a fare i conti con quello che siamo e con le nostre fragilità di cui siamo già consapevoli: «Davide chiede ad Anela se secondo lei ci stanno bene in quella vita, senza vedere nessuno; lei gli risponde che forse sì, che forse è l’unico modo per stare bene, che non incontrare le persone è forse l’unico modo per non star male.»
Un sguardo nitido sulla provincia italiana, una profonda riflessione sulla complessità umana e sulle contrapposizioni e contraddizioni interne a ognuno di noi.

Posizione:

Dalla Bice, su una sedia di plastica rossa fuori dal bar, guardando le persone passare ogni tanto, bevendo un numero imprecisato di caffè e fumando una sigaretta dopo l’altra.

Raffaele Mozzillo

La foto del retro di copertina del libro è di Daniela Calzolari.

 

Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://www.bandadicefali.it/2018/07/30/a-misura-duomo/
Instagram
Twitter
Visit Us
LinkedIn
RSS
Follow by Email

Tags: , , , ,


About the Author

- brevi recensioni di libri appena letti a cura di Raffaele Mozzillo. Il Calamita è un pesce appartenente alla famiglia dei Cefali. Un segno particolare è la pinna pettorale con una macchia nera ascellare. Come gli altri pesci della sua famiglia, nel periodo dell’amore mostra il suo dentino.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • Iscriviti alla nostra Newsletter

    Privacy Policy
  • Seguici su facebook!

  • #unabandadicefali su instagram

    • È uscito da pochi giorni ed è in lettura in acquario “La notte non vuole venire” di @alessioarenamusica Grazie @fandangolibri ❤️Foto @ssimonadirosa #unabandadicefali #bellochilegge #instalibri #instabook #booklover #fandangoeditore #alessioarena #libribelli #libri #leggere #editoriaindipendente #booklover #bookworm #stoleggendo
    • Incontri tra cefale a #ricominciodailibri
  • Vincitori del premio Radiolibri

    Vincitori del premio Radiolibri
  • BBB (Book Bloggers Blabberling)

    BBB (Book Bloggers Blabberling)
  • Verità per Giulio Regeni

    Verità per Giulio Regeni

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy