Fumetti

Published on Gennaio 31st, 2019 | by Carla De Felice

0

The infinite wait

Nell’epoca in cui ci troviamo, quella del social media, degli influencer, della caccia ai follower e ai like, sembra sempre più impellente l’impulso a raccontare i fatti propri cercando di renderli universali. Perciò siamo bombardati con informazioni sulle vite degli altri ed è difficile trovare qualcosa che sia realmente interessante o capace di farci identificare anche se non abbiamo mai conosciuto il/la protagonista.

Ecco perché scoprire fumetti come The infinite wait (o anche Drinking at the movies) dell’americana Julia Wertz, pubblicato in Italia da Eris Edizioni, non è soltanto una piacevole sorpresa, ma anche una preziosa occasione di arricchirsi leggendo la storia di qualcun altro.

The infinite wait

Julia Wertz, The infinite wait. Eris Edizioni, collana Kina, 2018. PP 232

Il fumetto è suddiviso in tre capitoli che affrontano vari momenti della vita dell’autrice fino ai trent’anni, raccontati senza filtri, con onestà e incredibile autoironia. In Industry la Wertz ci racconta del suo desiderio e bisogno di indipendenza sin da piccola e dei numerosi lavori che ha fatto mentre in The infinite wait ci parla del trasferimento a San Francisco e della difficile diagnosi del Lupus Sistemico, la grave malattia autoimmune che l’ha colpita a vent’anni. L’ultimo capitolo, A strange and curious place, è invece una bellissima lettera d’amore alla biblioteca della sua città natale, suo principale luogo di rifugio e svago.

Tutte queste esperienze, sebbene a tratti difficili, hanno aiutato l’autrice a crescere, sviluppare la sua personalità, non perdersi d’animo e poi diventare una delle fumettiste indipendenti americane più apprezzate.

The infinite wait

The infinite Wait, il cui nome deriva da una battuta tra amici, è una sorta di prequel del precedente fumetto Drinking at the movies (pubblicato in Italia nel 2017 sempre per Eris Edizioni), dove la Wertz raccontava senza censure delle avventure tragicomiche del suo primo anno a New York, la città dove tutto è possibile ma anche difficilissimo al tempo stesso. Ogni tanto la Wertz dissemina qua e là rimandi o approfondimenti contenuti in Drinking at the Movies, ma niente panico, non è necessario averlo letto per addentrarsi in quest’opera, anche se per esperienza personale posso anticiparvi che a fine lettura correrete subito a (ri)leggerlo.

The infinite wait

Drinking at the movies

Anche in questo fumetto l’autrice adotta il suo personalissimo stile:  disegni in bianco e nero molto essenziali, descrizioni dettagliate degli ambienti, struttura di sei vignette per la maggior parte delle tavole.

Julia Wertz è un’autrice ironica, diretta, pungente e ha il grandissimo talento di riuscire a parlare a tutti nonostante, in fin dei conti, racconti episodi della sua vita. Mi piace considerare Drinking at the movies una sorta di manifesto per tutti quelli che lasciano casa e si trasferiscono in una nuova città, mentre The infinite Wait un po’ ti insegna che anche quando la vita ti mette a dura prova, bisogna sempre cercare di trovare il lato positivo, e anche gli episodi a volte più insignificanti, contribuiscono alla crescita personale. L’importante è andare avanti senza mai perdere l’umorismo e l’autoironia.

 
Carla De Felice

 
The infinite wait
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://www.bandadicefali.it/2019/01/31/the-infinite-wait/
Instagram
Twitter
Visit Us
LinkedIn
RSS
Follow by Email
The infinite wait Carla De Felice

Summary:

4

Voto:


Tags: , , ,


About the Author

L'unico vero realista è il visionario.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • Iscriviti alla nostra Newsletter

    Privacy Policy
  • Seguici su facebook!

  • #unabandadicefali su instagram

    • Prima di iniziare Genesi 3.0, l’ultimo romanzo di Angelo Calvisi pubblicato da Neo Edizioni, è giusto sapere che può succedere di imbattersi nella morte immotivata di innocenti, in scene di sesso con animali, di guerra, distruzione, amputazioni, onanismo, ferocia religiosa. Ma ormai siamo lettori adulti e vaccinati...#unabandadicefali #leggeresempre #bellochilegge #librisulibri #editoriaindipendente #neoedizioni #libribelli #consiglidilettura #instabook #instalibri #amoridicarta #leggere #libri
    • Metti uno #streetcefalo a #ginevra #unabandadicefali #instatravel #igerssvizzera
  • Vincitori del premio Radiolibri

    Vincitori del premio Radiolibri
  • BBB (Book Bloggers Blabberling)

    BBB (Book Bloggers Blabberling)
  • Verità per Giulio Regeni

    Verità per Giulio Regeni

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy